MWLabs

Posts tagged as: writings

All'altromondo

Era uno dei rari giorni in cui stavo riuscendo a concludere qualcosa in ufficio, mi sentivo quasi degno di occupare e scaldare quella sedia ergonomica, che chissà quanti soldi sarà costata. Tanta concentrazione fu però interrotta dallo zelo di uno dei capireparto, venuto a riferirmi un appunto delle segretarie. »

La sacerdotessa Pizia

Nell'ufficio del cazzo, dove altro potevo trovarmi? Solo la cucina mi piaceva, era il posto dove c'era più vita. Banane, mandaranci, fichidindia, tutto il resto era morto o quasi. Dovevo percorrere un corridoio lungo e stretto per raggiungerla, e incrociavo di continuo figure provenienti nell'altro senso. I primi tempi sorridevo loro, ma raramente… »

Casalpalocco.

Gli autobus che collegano Roma ai paesi che la circondano sono specialmente squallidi, intrisi di sporcizia e degrado ed abbandono. Al contempo, essi trasportano individui assai pittoreschi, l'incontro dei quali vale spesso bene un viaggio in condizioni subumane. »

Vestiti.

Era una delle ultime volte in cui sarei tornato alla mia oramai ex-dimora, alla luce del trasloco che stavo affrontando proprio in quei giorni. La polverosa stazione di Boddinstraße, capolinea provvisorio di quella linea a causa di lavori di ristrutturazione, appariva come un cantiere fantasma, colmo di segni di lavoro - dal comune nastro rosso e… »

Scritti giovanili.

Ci avevo questa passione per Jane. Lei passava ogni mattina sotto la finestra del mio ufficio, camminava di fretta e si faceva tutta Edwin Street, per andare chissà dove. Si metteva sempre bei vestiti, gonne di velluto e maglie nere e giacche di pelle; e poi ci aveva queste calze, dio se mi sarei fatto licenziare per vedere come continuavano… »

It's Just a Trick of the Lights.

Nota: quanto segue è stato scritto interamente prima del concerto, e non è quindi influenzato da quanto avvenuto durante e dopo il medesimo. »

Warten auf die U-Bahn.

Io, e come me credo tutti gli uomini, ci ho questo passatempo di guardare le donne mentre aspetto la metropolitana; fintanto che il fottuto pezzo di latta si degna di arrivare, eccomi a scrutare ogni femmina in età da marito, in età da liceo o ancora in età da divorzio che solca la banchina. »

Frasi per ogni occasione.

Ci sono frasi il cui significato trascende la propria essenza, e di parecchio anche. Vi riporto ora alcune delle mie preferite, quelle che adopero con maggior frequenza ed in occasioni distinte. Tranne durante le gang-bang. »

Pacchi da sei.

Mi facevo di birre, ma non era sufficiente. Pacchi da sei, verdi con scritte rosse. Poi suonavo il mio rhodes scassato, e tiravo fuori melodie bellissime. Fottute sinfonie celestiali. Lo so, sinfonia non è un termine adatto per opere a strumento singolo, ma potete anche fottervi precisini del cazzo. »


Just for a day.

Un sabato come tanti altri a Camden Town, speso con la consueta casualità alla ricerca di dischi rari: snobbava il punk perché i panni che offriva gli andavano stretti, e a differenza di tanti coetanei non lo faceva sognare. Lui cercava My Bloody Valentine, Boo Radleys, Lush, Ride...ma stavolta l'accogliente rione non fu teatro di conquiste.… »


Piove in agosto.

La città si tingeva di tonalità che mai prima di allora aveva assunto: riflessi giallo e cremisi erano le ultime testimonianze di un’estate oramai tiepido ricordo, timida nell’intenzione e già crepuscolare nella forma; non vi erano foglie lungo i viali, ma l’autunno saliva già intenso dall’asfalto dopo il repentino temporale. Percorrere quelle… »

Io devo dormire.

Riportato dalla nota sulla moleskine di oggi pomeriggio al ritorno dall'uni. »

Hope Left.

La vita dona, la vita prende. E Dio resta a guardare, senza parole. »