MWLabs.

2013: best albums I stumbled upon.

E insomma questo 2013 è stato un sacco dark e minimal e wave, ed ecco che vi racconto cosa è successo. Grazie a tutti/e quelli/e che mi hanno fatto conoscere questi/e dischi/e, compagni di un anno di transizione che forse più di ogni altro ha segnato la mia esistenza, trascurabile essa al cospetto della musica di cui vi sto per narrare.

Continua a leggere »

Pistacchio di Brontë.

Ero lì che masturbavo il cadavere di Maria Teresa di Calcutta con un dildo posto all’estremità di un trapano acceso, quando mi resi conto che tra noi non poteva più funzionare.

Continua a leggere »

Esegesi della Sciabolata.

Sandro Piccinini ci ha abituati a scelte lessicali particolari durante il corso della sua carriera televisiva, tra le quali spicca quella della sciabolata, gesto tecnico di dominio dei centrocampisti, che trova massima affinità con il movimento compiuto dall’arma bianca in combattimento.

Continua a leggere »

Cose che Capitano

In questi giorni mi è capitato di leggere e sentire di tutto circa la vicenda Priebke, e ritengo opportuno mettere un po’ d’ordine vista l’ottusità media con cui è stata affrontata la questione da pressoché chiunque, eccezion fatta per il primo cittadino di Albano e per mio amico Patrizio Petrucci, fra i pochi.

Premessa: io non ho [ancora] detto nulla di serio a riguardo, anzi mi sono prodotto nelle peggiori oscenità perché sono fortemente contro il perbenismo da tastiera, nella migliori delle ipotesi inconcludente ed innocuo; ergo chiunque mi accusasse di retorica dopo che altrove ho detto solo cazzate, è pregato di leggere in maniera integrale quanto segue, o di interrompere qui e di andare a farsi una sega sulla categoria lesbo-teen del Fatto Quotidiano.

Continua a leggere »

Vestiti.

Era una delle ultime volte in cui sarei tornato alla mia oramai ex-dimora, alla luce del trasloco che stavo affrontando proprio in quei giorni. La polverosa stazione di Boddinstraße, capolinea provvisorio di quella linea a causa di lavori di ristrutturazione, appariva come un cantiere fantasma, colmo di segni di lavoro - dal comune nastro rosso e bianco, alle assi di legno a coprire zone del pavimento - ed al contempo raramente teatro di effettive azioni lavorative.

Continua a leggere »

Non Eri Ritardato, Diego

I nerd o geek, chiamateli come cazzo vi pare, sono ufficialmente sdoganati da un pezzo, e non riesco proprio a sopportarlo. Se da una parte il motivo può essere circoscritto al fatto che quando io rientravo pienamente nella categoria la medesima era la più reietta che la società potesse annoverare, ritengo degno fornire argomenti più vasti.

Continua a leggere »

Scritti giovanili.

Ci avevo questa passione per Jane. Lei passava ogni mattina sotto la finestra del mio ufficio, camminava di fretta e si faceva tutta Edwin Street, per andare chissà dove. Si metteva sempre bei vestiti, gonne di velluto e maglie nere e giacche di pelle; e poi ci aveva queste calze, dio se mi sarei fatto licenziare per vedere come continuavano sotto gli stivali.

Continua a leggere »

Peroni, Isernia, Milwaukee.

Amici, conoscenti, avventori, rivali, detrattori, nemici: è a voi tutti che voglio esporre nuovamente il mio pensiero sociale e politico non appena le due gemelle thailandesi che ho invitato a casa termineranno di litigarsi il mio uccello con insospettabile piglio.

Continua a leggere »

Unvergessen!

Deciso a vincere l’inedia domenicale, nel primo pomeriggio mi son fatto coraggio ed ho preso a perlustrare la parte meridionale del mio quartiere, quella tagliata radialmente dalle ampie Prenzlauer Alee e Greifswalder Straße, sino al verde di Volkspark Friedrichshain, giardino sito nel quartiere che da esso stesso prende nome e che funge da confine ideale tra le queste due zone della città.

Continua a leggere »